Proiectul fotografic – Alter-NATIVA

"All'apertura della mostra fotografica ROMANIA - Gente, Luoghi e Costumi di Sorin Onisor e Dorin Mihai."
"Presentazione del libro "Raffaello Romanelli -Il Cellini del Movecento" di di Paolo de Anna."
"Paolo de Anna autore del libro "Raffaello Romanelli -Il Cellini del Movecento""
"Paolo de Anna autore del libro "Raffaello Romanelli -Il Cellini del Movecento""

Dopo Firenze, con l’aiuto e l’impegno dell’Associazione Culturale Alter.NATIVA., il progetto fotografico ROMANIA-GENTE, LUOGHI E COSTUMI fa tappa a Siena preso Sala Rosa dell’Università di Siena, I fotografi Sorin Onisor e Dorin Mihai si propongono di raccontare con le loro immagini una realtà lontana da quello che si pensa ad essere la Romania e i suoi villaggi rurali. La mostra permette di scoprire un Paese che conosciamo solo per cronaca e che si rivela affascinante e antico. I volti delle persone, gli antichi mestieri legati all’agricoltura, le tradizioni del mondo rurale sono i protagonisti indiscussi della mostra. Si tratta di un’occasione che mette in luce le varie anime della Romania attraverso l’arte della fotografia. I colori accesi, la campagna e la semplicità sono dei punti di riferimento importanti che aiutano a capire la storia e la comunità rumena.

Nel ambito del vernissage della mostra fotografica è stato presentato il libro “Raffaello Romanelli, il Cellini del Novecento” di Paolo di Anna.
Notevole l’intervento di Giuliano Catoni, già ordinario di Archivistica nell’Università di Siena, autore degli inventari di molti archivi e curatore varie edizioni di fonti. Autore di saggi di storia medievale e moderna, dedica la sua ricerca e i suoi studi alle vicende senesi.

Mostra fotografica “Romania-Gente , Luoghi e Costumi – Siena

"Inaugurazione della mostra fotografica
"ROMANIA-Gente, Luoghi e Costumi" di Dorin Mihai e Sorin Onisor

Nell'ambito del vernissage verà presentato il libro "Raffaello Romanelli, il Cellini del Novecento" di Paolo de Anna

Domenica 30 ottobre 2016, ore 15.30
Sala Rosa dell'Università degli Studi di Siena
Piazzetta Silvio Gigli, 1 – Siena

Interverrà
Giuliano Catoni

Saranno presenti
Paolo de Anna
Dorin Mihai

Attraverso i loro scatti, i fotografi Dorin Mihai e Sorin Onisor intendono ripristinare l’essenza di una Romania sconosciuta ai più: quella Romania dimenticata dove gli effetti di luce si intrecciano con la realtà di un Paese tutto da riscoprire.
Nell’assistere a questa alchimia di luce e materia, tutto appare in costante trasformazione; con essa si modifica anche la materia visiva che va ad alimentare più livelli di percezione, necessari ad esplorare un mondo quasi scomparso. La sensazione che ne deriva è di riconoscimento di una realtà alla quale tutti siamo già appartenuti, già impressa nel nostro essere ma in qualche modo rimossa dall’attualità dei nostri tempi.

Paolo de Anna (Firenze, 1950), laureato in giurisprudenza, è un giornalista professionista che ha lavorato a lungo nelle televisioni e nei quotidiani, cronista e redattore di politica, attualità e cultura per 28 anni nel quotidiano “La Nazione”.
Appassionato delle storie e dei personaggi della sua città, ha scritto “Novecento di bronzo” sui segreti delle statue della fonderia Vignali. Con Lidia del Duca ha pubblicato “Le guerre del Paradiso”sulla vita del suo nonno, Bruno Bearzi, il restauratore delle Porte del Battistero e dei maggiori bronzi del Rinascimento.

Giuliano Catoni, già ordinario di Archivistica nell'Università di Siena, ha pubblicato gli inventari di molti archivi e ha curato varie edizioni di fonti. Autore di saggi di storia medievale e moderna, dedica la sua ricerca e i suoi studi alle vicende senesi."
           INAUGURAZIONE DELLA MOSTRA FOTOGRAFICA
“ROMANIA-Gente, Luoghi e Costumi” di Dorin Mihai e Sorin Onisor

Nell’ambito del vernissage verà presentato il libro “Raffaello Romanelli, il Cellini del Novecento” di Paolo de Anna

Domenica 30 ottobre 2016, ore 15.30
Sala Rosa dell’Università degli Studi di Siena
Piazzetta Silvio Gigli, 1 – Siena

Interverrà
Giuliano Catoni

Saranno presenti
Paolo de Anna
Dorin Mihai

Attraverso i loro scatti, i fotografi Dorin Mihai e Sorin Onisor intendono ripristinare l’essenza di una Romania sconosciuta ai più: quella Romania dimenticata dove gli effetti di luce si intrecciano con la realtà di un Paese tutto da riscoprire.
Nell’assistere a questa alchimia di luce e materia, tutto appare in costante trasformazione; con essa si modifica anche la materia visiva che va ad alimentare più livelli di percezione, necessari ad esplorare un mondo quasi scomparso. La sensazione che ne deriva è di riconoscimento di una realtà alla quale tutti siamo già appartenuti, già impressa nel nostro essere ma in qualche modo rimossa dall’attualità dei nostri tempi.

Paolo de Anna (Firenze, 1950), laureato in giurisprudenza, è un giornalista professionista che ha lavorato a lungo nelle televisioni e nei quotidiani, cronista e redattore di politica, attualità e cultura per 28 anni nel quotidiano “La Nazione”.
Appassionato delle storie e dei personaggi della sua città, ha scritto “Novecento di bronzo” sui segreti delle statue della fonderia Vignali. Con Lidia del Duca ha pubblicato “Le guerre del Paradiso”sulla vita del suo nonno, Bruno Bearzi, il restauratore delle Porte del Battistero e dei maggiori bronzi del Rinascimento.

Giuliano Catoni, già ordinario di Archivistica nell’Università di Siena, ha pubblicato gli inventari di molti archivi e ha curato varie edizioni di fonti. Autore di saggi di storia medievale e moderna, dedica la sua ricerca e i suoi studi alle vicende senesi.

Prezentare carte ” Cirese amare ” si inchiderea expozitiei de fotografie ” Romania – Gente , Luoghi e Costumi

S-a conclus duminica , 2 octombrie 2016, ultima zi a expozitiei de fotografie “ ROMANIA- Gente , Luoghi e Costumi “, organizata de fotografii Dorin Mihai si Sorin Onisor , cu sprijinul Asociatiei Identitate Culturala Contemporana din Bucuresti .
Interesul manifestat se reflecta si in afluenta publicului care a trecut pragul Oratoriului ce a gazduit evenimentul .
Iubitorii traditiilor si culturii romanesti , iubitori de fotografie dar si de carte , au avut prilejul de a participa si la prezentarea cartii “ Cirese amare “ , scrisa de Liliana Nechita ( Angheluta ).
In cuvantul sau , autoarea ne introduce intr-o lume a sacrificiului , durerii si umilintei ,subiect mult tratat in cartea sa : lumea asistentelor familiare , aceea a asa ziselor badante. O lume de trairi si experiente triste, o lume rece , o lume in care poti fi acceptat sau respins , o lume a izolarii ,de cele mai multe ori …..un labirint de necunoscute din care nu poti iesi castigator decat printr-o forta interioara si o motivatie bine determinata .
Autoarea,una dintre multele femei care au emigrat , ea insasi traind toate durerile si suferintele dezradacinarii, a ales sa scrie , dezvaluind astfel realitati pe care multi dintre cei ce emigreaza evita sa le impartaseasca familiilor lor , din teama de a nu fi judecati .
Din partea Consulatului General al Romaniei la Bologna a transmis un mesaj de solidaritate , domnul Vasile Simon .
Invitat special a fost fotojurnalistului de la cotidianul “ La Nazione “ Maurizio Papucci , creatorul proiectului “ Sotto ai cieli dell’ Est “ , care a tinut sa ne impartaseasca din experientele traite in multele calatorii de documentare in tarile Asiei si tarile Europei de Est.
A luat cuvantul de asemenea , doamna Mihaela Viorica Bobirnea , din partea Parohiei Ortodoxe Firenze II , care cunoaste foarte bine lumea asistentelor familiare si viata romanilor din teritoriu , exprimand un mesaj de solidaritate.
Evenimentul a fost posibil si prin implicarea sustinuta a catorva persoane printre care Carmen Claudia Mihai siMelania Cristina Cotoi precum si cu sprijinul ParinteluiValer Sician , Protopop de Toscana si Umbria , reprezentant al comunitatii romanesti greco-catolice din Florenta , care a pus la dispozitie Oratoriul Santissimo Sacramento si a oferit posibilitatea participantilor de a achizitiona cartea “ Cirese amare “ , editata in limba romana si italiana .

Presentazione del libro ” Ciliegie amare ” (Cirese amare) de Liliana Nechita

mostra-foto

Nel ambito della mostra verrà presentato il libro “CILIEGIE AMARE” di Liliana Nechita sul malessere del vivere tra due mondi e non appartenere completamente a nessun dei due. Sarà presente l’autrice.LILIANA NECHITA classe 1968, vive e lavora da otto anni in Italia. Nel 2013 ha pubblicato, tramite la rivista “Avantaje”, il testimonial L’ESODO DELLE MAMME, che è stato alla base del documentario con lo stesso nome realizzato da Irina Păcurariu per la Televisione Rumena. Meriti riconosciuti e premiati all’edizione 2103 di La Donna dell’Anno 2013 per aver promosso e difeso i diritti delle donne.
Intervegono Maurizio Papucci, fotogiornalista, ideatore del progetto SOTTO AI CIELI DELL’EST.Maurizio Papucci classe 1960 fotografo di cronaca per il giornale La Nazione, dopo il diploma di maturità e dopo il servizio militare nel 1982, ha trasformato la sua grande passione per la fotografia in professione. Nel 1987 percorre 6500 Km attraverso l’Asia e la via della Seta, fotografando Nepal, Tibet, Cina, deserto del Gobi, Pamir, e Pakistan. Continuo a viaggiare e fotografare in Kashmir, Ladak, India e altri paesi, dedicando particolare attenzione alle realtà spesso trascurate dei bambini.
Nel 1995 in Albania lavora ad un reportage sulle adozioni a distanza.
Nel 1998 si occupa della solitudine degli anziani e documenta questa dura realtà che verrà poi raccolta in una pubblicazione ed una mostra dal titolo “Nessuno è troppo vecchio per la salute dell’anima”.
All’inizio del 2001 si reco in Iraq al seguito di una delegazione parlamentare ed effettuo un profondo lavoro sull’infanzia irachena dal quale nascerà una mostra esposta in seguito a Roma a palazzo Montecitorio dal titolo “I bambini di Baghdad”.
Alla fine del 2001 partecipa come fotografo alla missione archeologica M.a.i.a. sull’isola di Nelson a largo delle coste di Alessandria d’Egitto documentando gli scavi e i ritrovamenti di interesse antropologico.
Nel 2006 pubblica due volumi: il primo “Artigiani & artisti nella Carrara del 2000” sulla scultura e scultori contemporanei, l’altro, “RITRATTI-Viaggio dentro il ricordo” trentadue ritratti di anziani e relative brevi storie di vita per la casa editrice Vuelleti.
Nel 2016 “Sotto ai cieli dell’est” viaggio via terra attraverso Slovenia, Ungheria, Romania, Moldavia, Transnistria, Ucraina.Domenica 2 ottobre ore 15.00
Oratorio del Santissimo Sacramento
Via Romana 40, Firenze
romaniaglcfirenze@libero.it

Evento organizzato dall’Associazione Culturale alter.NATIVA e F64-Laboratorio di Fotografia

 

 

ROMANIA-Gente, Luoghi e Costumi, Firenze 17-iuie-6 august

Dopo quasi un’anno dalla sua inaugurazione, con l’aiuto e l’impegno dell’Associazione Identità Culturale Contemporanea (AICC), il progetto fotografico ROMANIA-GENTE, LUOGHI E COSTUMI fa tappa a Firenze, all’Oratorio del Santissimo Sacramento.

 

La mostra fotografica si propone di raccontare una realtà lontana da quello che si pensa ad essere la Romania e i suoi villaggi rurali permettendo di scoprire attraverso le immagini un Paese che ci si conosce solo per cronaca e che si rivela affascinante con antiche radici, con paesaggi invernali, fiabeschi, storie di lavori duri, volti rugosi, bruciati dal sole ma dignitosi. Stanze semplici piene di ricordi. Volti di nonni che aspettano i nipoti, solitudini e speranze. Un popolo rimasto nella storia attraverso la storia e l’arte. Le statue dei Daci che si trovano nei principali musei del mondo e che ornavano il Foro di Traiano sono testimonianze di un popolo dignitoso.
La mostra sara aperta al pubblico fino al 6 agosto con i seguenti orari :

Lunedi 17.00- 19.00
Martedi 17.00- 19.00
Mercoledi 17.00- 19.00
Giovedi 10.00- 14.00
Venerdi 17.00- 19.00
Sabato 10.00- 14.00
Domenica 10.00- 19.00

Entrata libera

Via Romana 40, Firenze.

La Domenica Metropolitana,1 novembre 2015

La Domenica Metropolitana di novembre propone, come di consueto grazie al sostegno di Giotto-FILA, un ricco programma di visite e di attività dedicate al patrimonio civico e alle mostre temporanee in corso: fra queste si segnalano le proposte legate alle esposizioni Il principe dei sogni. Giuseppe negli arazzi medicei di Pontormo e Bronzino e Jeff Koons. In Florence e le iniziative centrate sui temi dell’acqua e delle fontane in età medicea, concepite e realizzate grazie al supporto di Publiacqua.
Anche la Fondazione Palazzo Strozzi aderisce alla giornata proponendo alle h11.30 l’appuntamento Parliamo d’arte, una conversazione in mostra (massimo 15 partecipanti) in occasione dell’esposizione Bellezza divina tra Van Gogh, Chagall e Fontana: l’attività è gratuita con ingresso a pagamento.

Si ricorda che tutte le visite guidate e le attività sono gratuite per i cittadini residenti nella città metropolitana di Firenze e la prenotazione è obbligatoria. All’atto della prenotazione è possibile riservare un solo appuntamento nel corso della giornata per un massimo di 5 persone.

Senza prenotazione sono gli *accessi ai Musei Civici Fiorentini.

Museo di Palazzo Vecchio (orario 9.00/19.00), **Torre di Arnolfo (orario 10.00/17.00, 30 persone ogni mezz’ora), Scavi archeologici di Palazzo Vecchio (orario 9.00/19.00, 25 persone ogni mezz’ora), Santa Maria Novella (orario 13.00/17.30), Museo Stefano Bardini (orario 11.00/17.00), Fondazione Salvatore Romano (orario 10.00/16.00), Museo Novecento (orario 9.00/18.00), Cappella Brancacci in Santa Maria del Carmine (orario 13.15/16.45, ultimo accesso ore 16.15,30 persone ogni mezz’ora).
Attenzione: le biglietterie chiudono un’ora prima dell’orario di chiusura.

*Gli accessi sono disponibili fino ad esaurimento posti per motivi di sicurezza.
**In caso di pioggia la Torre di Arnolfo resterà chiusa al pubblico per motivi di sicurezza. Sarà accessibile il camminamento di ronda.

 

Il programma è realizzato grazie al sostegno di 

logo giotto fila   Logo publiacqua_200px

 

INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI

Da lunedì 26 a sabato 31 ottobre 2015 dalle 9.30-13.00 e 14.00-17.00 (servizio non attivo la domenica mattina). Festivi dalle 9.30-12.30
Tel. 055-2768224, 055-2768558
Mail info@muse.comune.fi.it

 

 

 

Expo Ruralia , Pratolino , 2014

Intotdeauna , expozitiile in aer liber mi-au creat o stare de incarcare pozitiva ……iti trebuiesc doar picioare bune :))))) si timp liber …..si vointa desigur 🙂 …..

Am vizitat zilele trecute expozitia  agricola “Ruralia , Pratolino -(Firenze) ” – o frumoasa sarbatoare a lumii agricole , desfasurata in mijlocul naturii , de aceasta data locatia fiind Parcul National Pratolino , Villa Demidoff ….prilej ce in fiecare an atrage peste 20000 de vizitatori . Au fost expuse rase de cai , de oi , de vaci , de porci ,  de porumbei voiajori si pasari rare ……totul “asezonat” cu standuri de produse biologice , plante si flori  , produse tipice , ce ofereau spre vanzare inclusiv fructe de sezon.

Prima parte …..las pozele sa vorbeasca , cuvintele sunt de prisos …..